tipi di zucca e differenze

Tipi di zucca: differenze, sapori e caratteristiche

La zucca è tra i grandi protagonisti della cucina durante le stagioni fredde. Quasi tutte le varietà giungono a maturazione tra la fine dell’estate e i primi sentori d’autunno, e possono essere conservate a lungo, anche mesi, purché si abbia l’accortezza di tenerle in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.
Ci sono anche zucche puramente ornamentali, generalmente cave e con pochissima polpa, adatte a creare composizioni per decorare il centrotavola. Appartengono a questa categoria le zucche intagliate che sono diventate un simbolo universale della festa di Halloween. Poi ci sono le straordinarie zucche giganti del Nord America, in particolare la varietà chiamata Dill’s Atlantic Giant: può raggiungere e superare i 5 quintali di peso e probabilmente è l’ortaggio più grande del mondo!
Ovviamente qui ci occuperemo delle varietà commestibili, che sono numerosissime e si suddividono in due grandi famiglie: Cucurbita Maxima e Cucurbita Moschata.

 

Arrotondate o lunghe, adatte a mille preparazioni.

 

Il gruppo delle Cucurbita Maxima include la Zucca Mantovana, una delle varietà più diffuse e pregiate. Ha una forma tondeggiante e leggermente schiacciata, con una buccia molto spessa di colore verde; la sua polpa, di un invitante colore arancione, ha un sapore dolce e delicato. È l’ideale per preparare gli gnocchi e il ripieno dei tortelli, e può essere cotta al forno, al vapore, alla brace e anche fritta: un vero e proprio jolly in cucina.

zucca mantovana italiana

(zucca italiana mantovana)

C’è poi la cosiddetta Marina, detta anche Chioggiana, di origini venete, piccola di taglia e con la buccia resistente e bugnosa. La polpa è gialla, farinosa e dolce, particolarmente adatta alla cottura in forno; con i dovuti accorgimenti, può essere conservata a lungo diventando sempre più zuccherina con il passare delle settimane. Piccola e appiattita, la Zucca Delica ha una polpa compatta e asciutta che la rende ideale per infinite preparazioni, dagli gnocchi al risotto, dalle zuppe alla vellutata. È una zucca particolarmente precoce, già reperibile ben prima che termini l’estate.
Sempre di questa famiglia fa parte anche la Zucca di Provenza, che si distingue per la buccia che sfuma dal verde all’arancione e per la sua forma divisa in spicchi regolari. Ha un sapore dolce, più deciso di quello delle altre zucche appena descritte, e si esprime al meglio nella preparazione delle minestre e delle vellutate.

Passiamo ora alle zucche della famiglia Cucurbita Moschata, caratterizzate dalla forma allungata e dalla buccia più liscia e meno coriacea rispetto a quelle tondeggianti.
La più comune è probabilmente la Zucca Butternut, molto popolare negli Stati Uniti e nei Paesi anglosassoni, e da qualche tempo molto diffusa anche in Italia. Come suggerisce il nome, ha uno spiccato retrogusto di nocciola ed è particolarmente zuccherina; estremamente versatile, possiamo utilizzarla sia per minestre, creme e passati che per preparare originali dolci.

zucca butternut

(Zucca Butternut)

Allungata e ricca di aromatica polpa, la Zucca Piena di Napoli ha una buccia sottile, che la rende particolarmente semplice e rapida da preparare; è ottima grigliata e servita condita, ma anche cotta al vapore o al forno.
La Zucca Violina, chiamata così perché la sua forma richiama quella dello strumento musicale, ha una buccia opaca e ruvida e una polpa soda e saporitissima. È coltivata soprattutto nel Ferrarese ed è una varietà molto utilizzata per preparare piatti della tradizione locale.

 

Zucche e zucchine, come scegliere le migliori.

 

Quelle elencate sono solo alcune delle più comuni varietà di zucca; si tratta di una famiglia vegetale molto ampia, che comprende anche le zucchine, uno degli ortaggi più conosciuti e popolari.
A prescindere dalla tipologia, quando si sceglie una zucca intera bisogna preferire quelle dure e consistenti, con la buccia compatta e priva di ammaccature, e complete di picciolo ancora ben saldo. Se “bussando” delicatamente sulla scorza sentite un rumore sordo, privo di echi e vibrazioni, potete acquistare quella zucca sapendo che è perfetta. Qui trovate tutti i nostri preziosi consigli su come deve essere pulita e tagliata una zucca fresca.
Anche le zucchine ideali sono sode al tatto e hanno la buccia lucida, ben tesa e priva di ammaccature. Sono da preferire quelle piccole e sottili, che hanno meno semi e una polpa più soda e gradevole, al punto che possono essere consumate anche crude, aggiunte all’insalata tagliate a rondelle sottili.
Se volete gustare questo squisito ortaggio con la certezza di una polpa freschissima, soda a al giusto grado di maturazione, nella gamma Insal’Arte c’è la zucca a cubetti, disponibile in vaschette da 400 grammi.

zucca confezionata tagliata a cubetti

(Zucca a cubetti – Insal’Arte)

Potete usarla per tutte le vostre preparazioni, e anche cimentarvi con le squisite e fantasiose ricette proposte da Insal’Arte, come la zucca al forno con formaggio, il pan dolce alla zucca e tante altre. Vi invitiamo a scoprirle e provarle tutte!

 

 

Torna a Frutta e verdura