tipi di insalata

Tipi di insalata: conosciamo le loro caratteristiche

Cosa vorresti mangiare stasera? Insalata! Dietro questa semplice risposta si nasconde in realtà un vero e proprio mondo, perché il termine ‘insalata’ racchiude un numero davvero ragguardevole di varietà di ortaggi in foglia, con la caratteristica comune di poter essere gustati a crudo, come contorno o come ingrediente di preparazioni più complesse.

Quali sono i principali tipi di insalate presenti in commercio e quali le peculiarità che le contraddistinguono? Scopriamo insieme le varietà più comuni e interessanti per imparare a scegliere le tipologie che meglio si adattano alle ricette che abbiamo in mente di preparare o che dobbiamo assolutamente assaggiare!

 

Tipi di insalata invernale e autunnale

 

Sebbene oggi giorno quasi tutte le tipologie siano comunque reperibili durante tutto l’arco dell’anno, il criterio più utilizzato per classificare le innumerevoli varietà di insalate è la stagionalità. Contrariamente a quanto si possa pensare, l’autunno e l’inverno, con le loro temperature rigide e i frequenti rovesci, sono particolarmente generosi di frutti della terra e di insalate in particolare. Sono infatti le stagioni del radicchio, tra gli ortaggi da taglio più conosciuti e apprezzati, ma anche di altre tipologie molto amate e versatili, come la Iceberg e le scarole.

La lattuga Iceberg, caratterizzata da un cespo molto rotondo e di colore chiaro e uniforme, è un’insalata croccante e dal gusto delicato, ideale da gustare da sola o in combinazioni ad altri tipi di insalate verdi. Tra i vari tipi di insalate autunnali, è forse la più versatile: la consistenza robusta delle sue foglie, infatti, la rende perfetta anche per farcire hamburger e panini in generale. 

insalata iceberg confezionata

Tipi di insalate invernali, autunnali e primaverili: le indivie

 

Le indivie presentano foglie di colore verde tendente al giallo e cespo appiattito e si suddividono in due tipologie: la riccia e la scarola.

L’indivia riccia, facilmente riconoscibile dalle foglie frastagliate e increspate, viene generalmente gustata in abbinamento ad altre varietà di insalata per il suo sapore tendente all’amaro. L’indivia scarola, invece, dalle foglie larghe, lisce al centro e frastagliate sui bordi, ha un gusto meno forte e si può mangiare sia cruda che cotta, stufata, sbollentata o passata in padella. L’indivia scarola è anche protagonista di uno dei piatti principi della cucina partenopea: la pizza di scarole, una fragrante focaccia farcita di indivia saltata con olive di Gaeta, capperi e acciughe.

Per entrambe le varietà la parte più pregiata è il cuore, dove si raccolgono le foglie più morbide e fresche.

 

insalata scarola riccia confezionata

Varietà di radicchio

 

Altri tipi di insalate tipiche della stagione autunnale e invernale sono i radicchi. Si va dal pregiato Radicchio Rosso di Treviso IGP, ottimo da gustare anche cotto al forno, alla griglia o in padella, al radicchio variegato, tra cui si segnala il Radicchio Variegato di Castelfranco IGP, dalla caratteristica forma che ricorda una rosa, da quello di Chioggia a quello di Verona, e dal radicchio rosso a quello verde, come il Pan di Zucchero, che con il suo sapore amarognolo si presta ad arricchire ottime insalate miste invernali.

Discorso a parte meritano cicorino e radicchietto, due cicorie da taglio particolarmente indicate per comporre ottimi mix di insalate da contorno, come la Idea di Insal’Arte, in cui il cicorino si abbina a radicchio rosso, Pan di Zucchero e porro, tutto rigorosamente tagliato a julienne.

radicchio rosso di treviso igp

Tipi di insalate estive e primaverili

 

Spesso si pensa alla lattuga, uno degli ortaggi più tipici dell’estate, come sinonimo di insalata. In realtà non solo esistono molte varietà di lattuga ma, come abbiamo visto, esistono anche moltissimi tipi di insalata verde. La tipologia di lattuga più delicata per sapore, consistenza e conservazione è il lattughino, tenere foglie che possono assumere diverse sfumature di colore, dal verde chiaro al rosso scuro, come quelle utilizzate per comporre la misticanza. Tipiche della stagione primaverile ma anche autunnale ed invernale, sono poi la valerianella, anche conosciuta con il nome di songino e gallinella, e lo spinacino, dal sapore delicato ma deciso. Menzione speciale per la rucola, perfetta per dare carattere e piccantezza a insalate, bruschette, sandwich, tramezzini e anche molti piatti cotti.

rucola in vaschetta

Oltre alla stagionalità, esistono anche altri metodi di catalogazione delle insalate, come quello botanico, che distingue tra cicorie, indivie, lattughe ed erbe di campo. Il punto interessante è che le varietà di insalate in commercio sono davvero tante e permettono di spaziare tra un’infinità di sapori e consistenze diverse. Basta lasciarsi guidare da un po’ di curiosità e provare a sperimentare qualche nuova ricetta: le opzioni non mancano di certo!

Torna a Frutta e verdura: curiosità e idee in cucina