come si mangia l'avocado

Non sai come mangiare l’avocado? Prova l’estratto Insal’Arte

L’avocado è un frutto esotico che in Italia conosce sempre più estimatori; e’ di origine sudamericana, ma da qualche tempo viene coltivato anche in Sicilia, dove la pianta trova le condizioni climatiche adatte alla sua coltivazione e allo sviluppo dei frutti, che hanno l’aspetto di una grossa bacca ovoidale. Per chi ancora non conosce questo prelibato dono della natura, ecco una piccola guida su come scegliere l’avocado al giusto grado di maturazione, come prepararlo e a quali altri alimenti associarlo.

Chi è abituato al suo consumo, sa che per capire il giusto grado di maturazione dell’avocado è necessario comprimerne delicatamente la superficie: se al tatto è molto dura, l’avocado è ancora acerbo. Potete comunque acquistarlo, lasciandolo maturare per un paio di giorni a temperatura ambiente e al riparo dalla luce, eventualmente insieme a una mela che producendo etanolo favorirà il processo di maturazione.

L’avocado è pronto per essere mangiato quando la buccia cede leggermente alla pressione, senza ammaccarsi; se con la pressione delle dita la buccia tende a cedere, l’avocado è in stato di maturazione inoltrata. Un modo pratico e immediato per capire se il vostro avocado è pronto per essere consumato, consiste nel tirare con delicatezza il picciolo: se si sfila dal frutto senza opporre resistenza, l’avocado è maturo.

Come ottenere facilmente la polpa dell’avocado

 

La polpa si ricava tagliando a metà l’avocado nel senso della lunghezza; si fanno poi ruotare le due metà in senso opposto, come si fa con altri frutti come le albicocche o le pesche, finché si separano tra loro e la polpa si stacca dal nocciolo. A questo punto si può tagliare a fettine; se è molto maturo se ne può semplicemente raccogliere la polpa con un cucchiaio.

come mangiare e pulire l'avocado

(Avocado pulito con cucchiaio)

Le fettine di avocado sono un’ottima guarnizione per le insalate; nella tradizione vegana si usa anche in sostituzione del burro per preparare dolci e creme. È un frutto squisito da consumare crudo, semplicemente con sale e limone, o un pizzico di peperoncino. La sua consistenza burrosa e il sapore delicato lo rendono una base ideale per la preparazione di salse da abbinare a diverse pietanze, sia vegetali sia a base di carne o pesce. Se la polpa è particolarmente morbida, può comunque essere utilizzata per squisite preparazioni, come la famosissima salsa guacamole, un condimento per le verdure che si ottiene miscelando avocado, lime e sale fino a ottenere una consistenza cremosa. È delizioso anche aggiunto agli altri ingredienti dei toast!

Avocado tagliato a fette

(Avocado tagliato a fette)

L’estratto di avocado Insal’Arte: rigenerarsi con gusto

 

L’estratto di avocado fa parte della linea “Green” degli estratti di frutta e verdura Insal’Arte, l’avocado è presente in combinazione a mela, pera e spinacio. L’estrazione a freddo mantiene immutata l’eccezionale ricchezza nutritiva della frutta, preservandone il gusto e gli aromi. Le bottiglie da 250 ml e 500 ml sono pratiche e possono essere portate in ufficio, in palestra, in piscina e ovunque andiate, per avere una ricarica di fresca energia sempre a disposizione.

È sufficiente tenerli al fresco o ricordarsi di consumarli entro 4 ore, una volta tolti dal frigorifero. Mantenersi in forma richiede qualche piccolo sacrificio, perché non concedersi una rigenerante pausa di gusto?

estratto di avocado

(Estratto di avocado)

Torna a Estratti