come assumere lo zenzero

Come assumere lo zenzero: scopri gli estratti

Alcuni doni della natura sono particolarmente ricchi di proprietà benefiche: lo zenzero rientra fra questi, e non a caso oggi è sempre presente nell’elenco dei “superfood”, categoria che raggruppa alimenti di origine vegetale con un altissimo contenuto di micronutrienti.

In quanti modi è possibile assumere lo zenzero e gustare così il suo piacevole sapore? Scopriamo come utilizzarlo!

Per una pausa tonificante, l’ideale può essere sciogliere un cucchiaino di polvere di zenzero nel the o direttamente in una tazza d’acqua calda, con l’aggiunta di limone e miele. La polvere di zenzero può anche essere usata come spezia per condire e rendere più saporite molte pietanze; ne basta un pizzico, perché l’aroma è intenso, e ogni piatto risulterà più profumato e appetitoso. Provate sugli arrosti!

 

zenzero a fette e in polvere

(Zenzero a fette e in polvere)

Lo zenzero candito è preparato con le radici fresche, che vengono caramellate in uno sciroppo concentrato prima di essere poste ad asciugare. È forse il modo più goloso di assumere lo zenzero; i piccoli canditi possono essere aggiunti ai cereali della prima colazione o alle marmellate, oppure possono essere gustati così come sono, per concedersi una piccola gratificazione e ripartire con più slancio.

La radice fresca di zenzero è ormai facilmente reperibile nei supermercati o nei negozi che trattano prodotti naturali. Potete grattugiarla direttamente sulle insalate, sul riso, aggiungerla ai vostri centrifugati oppure utilizzarla in infusione.

Origine della scoperta di una radice antichissima

 

In estremo oriente lo zenzero era considerato ricco di benefici effetti già molte migliaia di anni fa: in un trattato cinese di fitoterapia risalente al 2.700 A.C. viene citato fra le piante officinali dotate di maggiore pregio. La sua prima introduzione in Europa viene fatta risalire al terzo secolo avanti cristo, quando Alessandro Magno lo importò in Grecia; da lì il suo uso si diffuse presso gli antichi romani, che lo tenevano in grande considerazione sia come gustosa spezia sia per le sue virtù considerate curative, riprese poi dalla scienza medica del Medioevo.

Nel XVI secolo gli spagnoli introdussero la coltivazione dello zenzero in Giamaica, che a quei tempi era una loro colonia: la coltivazione prosperò a tal punto che, da quell’isola lontana, lo zenzero venne esportato in tutto il vecchio continente, e finalmente conobbe ampissima diffusione prima sulle tavole della nobiltà, poi anche su quelle delle classi più umili, che lo usavano soprattutto come spezia.

L’estratto di zenzero, un alleato del nostro benessere

 

Tutti gli estratti di frutta e verdura proposti da Insal’Arte mantengono inalterati gli apporti nutrizionali della materia prima, sempre fresca e di primissima scelta, grazie soprattutto alla nostra accurata procedura di estrazione a freddo e all’HPP. Queste tecnologie non intaccano le proprietà organolettiche di frutta e verdura e restituiscono un prodotto che al palato risulta eccezionale.

Nell’interpretazione di Insal’Arte, la bevanda di zenzero ha come “base” il succo di mela, frutto dal gusto dolce e delicato che tempera ed esalta allo stesso tempo il sapore intenso, piacevolmente piccante e marcatamente aromatico del rizoma. Un modo di assumere lo zenzero gradevole e sempre a portata di mano. L’estratto di zenzero Insal’Arte rientra nella categoria “Smile” ed è disponibile in due formati: 250 ml e 500 ml.  Oltre allo zenzero, fanno parte della lista dei “superfood” anche i mirtilli, l’avocado, la curcuma e l’alga spirulina, tutti presenti fra gli ingredienti di altrettanti estratti di frutta e verdura a marchio Insal’Arte. Tutti ottimi alleati del nostro benessere, con il valore aggiunto di un gusto inconfondibile, gradevole e rinfrescante, piacevolissimo da degustare in ogni momento della giornata.

 

estratto di zenzero

(Estratto di zenzero)

Torna a Estratti